Come Pescare il Sarago

28 Luglio 2020 0 di admin

Il sarago è uno dei pesci più conosciuti tra i pescasportivi, un combattente molto scaltro e pieno di energia e soprattutto una preda molto ambita per via delle ottime carni bianche. Se vuoi imparare a pescare il sarago in scogliera con mare mosso, non ti resta altro che leggere attentamente questa guida.

Occorrente
Bolognese 3 metri
Mulinello 2500
Nylon 0.25 mm
Fluorocarbon 0.16 mm
Microgirelle
Sardine e verme americano

La scogliera è sicuramente uno degli ambienti più congeniali alla presenza del sarago; è infatti in scogliera che questo pesce raggiunge le maggiori dimensioni. Le condizioni più propizie per la pesca del sarago sono sicuramente il mare mosso, soprattutto in fase di scaduta avanzata. Ecco cosa dovrai procurarti per eseguire al meglio questa tecnica.

Dovrai munirti di una bolognese corta e potente, la lunghezza migliore è intorno ai 3 metri al massimo 3 metri e mezzo, l’azione deve essere prettamente di punta e soprattutto la canna dovrà essere molto leggera; in questo tipo di pesca, infatti, l’attrezzo non si poggia quasi mai. Dovrai abbinare alla canna un mulinello di taglia 2500 con frizione anteriore, caricato con del nylon 0.25 millimetri.

La montatura deve essere costruita con del filo di piombo in modo da evitare incagli tra le rocce. Dovrai creare una spirale con del filo di piombo, lunga circa 10-12 centimetri, direttamente sulla lenza madre fermandola ove possibile con dei pallini di piombo. Con l’aiuto di una microgirella dovrai collegare alla lenza madre un terminale costituito da 2 metri di fluorocarbon da 0.16 millimetri armato con un amo numero 6. Come esca dovrai utilizzare la sardina intera oppure il verme americano. Per quanto riguarda l’azione di pesca, dovrai lanciare tra le onde e far saltellare l’esca continuamente sino all’abboccata.